IMPIANTI ANTINCENDIO – VASCHE DI ACCUMULO ACQUA

Mi è capitato un lavoro, che merita di essere menzionato. Stabilimento industriale in fase di riammodernamento, rivisitazione totale delle concessioni e delle autorizzazioni in corso per PREVENZIONE INCENDI. La pratica richiedeva, a causa di una determinata attività svolta all’interno del capannone, un accumulo acqua pari a mc. 33.00.
Facendo un analisi di tutte le opere da eseguire, la vasca di accumulo risultava molto onerosa e così è stata utilizzata una cisterna ad uso alimentare*, recuperata da un automezzo che trasportava alimenti appunto.

Risultato: pagata poco più di €. 3000.00, quindi decisamente meno che una in cemento.

Note: cisterna in alluminio, successivamente rivestita completamente di guaina catramata, per evitare possibili scariche elettriche provenienti dal terreno. Ovviamente non tutte le cisterne sono adoperabili, per essere utilizzata come accumulo acqua in caso d’incendio, deve possedere determinati requisiti.


*: l’uso alimentare è bene sottolinearlo, dato che durante alcune manutenzioni potrebbe essere necessario ispezionare l’interno della cisterna, quindi questa dà la tranquillità che non vengano emessi gas tossici, che compromettino la salute di una persona (sicuramente da evitare cisterne che contenevano liquidi chimici e simili ovviamente).

Spero che il seguente articolo, possa aver dato ispirazione a qualcuno in cerca di risparmio, senza però rinunciare alla funzionalità del risultato!.

Tutto pronto per il superbonus 110%?

Ottieni la tua attestazione di conformità urbanistica/edilizia.

Accesso agli atti ed eventuale relazione tecnica per il bonus 110% o per qualsiasi compravendita o pratica edilizia.